Ogni anno, poco prima (o poco dopo) Natale, il governo italiano approva la Legge di Bilancio, in cui va ad integrare o eliminare i benefici economici emanati l’anno precedente.

La conseguenza diretta è la possibilità di utilizzare i bonus fiscali al fine di ottenere la diminuzione delle tasse utilizzando crediti d’imposta.

Sapere in anticipo quali e quanti bonus fiscali puoi avere a disposizione ti permette di stabilire come gestire le tue risorse usufruendo così, del maggior numero di bonus e diminuendo l’ammontare delle tasse che dovrai pagare.

Anche se può sembrarti strano, se stai attento ai bonus attualmente in vigore (e di conseguenza utilizzabili), più spendi e più risparmi di tasse.

Ma come fai ad essere informato sui bonus fiscali attualmente in vigore?

Qui entro in campo io.

Il mio ruolo è quello di tenerti costantemente aggiornato sui bonus fiscali che sono presenti nel nostro sistema e di comunicarteli nel modo più semplice possibile.

Il tutto per consentirti di valutare quando ti conviene utilizzare un bonus per te o per la tua azienda.

Rinnovare il giardino, abbellire l’entrata della tua ditta, profumare (magari con una parete verticale) l’ingresso del tuo ufficio o la tua casa, oggi si può.

Certo, potevi anche ieri, ma oggi ti conviene.

Avrai sicuramente sentito parlare del Bonus verde 2018, ma in pratica, come funziona?

Prima di entrare nel dettaglio illustrando le percentuali e utilizzando (per forza di cose) il gergo tecnico, voglio spiegarti cos’è’ il Bonus verde 2018, così da poter assiepare tutti i dubbi e preparare un terreno fertile per trasmetterti i vantaggi di questa operazione.

 

Cos’è il Bonus Verde?

Il bonus verde è una nuova detrazione fiscale inserita nel nuovo testo della Legge di Bilancio 2018. Consiste in una detrazione per chi sostiene spese per la sistemazione del verde di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari private di qualsiasi genere.

Per cui si possono beneficiare per spese inerenti i terrazzi, giardini, balconi, anche condominiali, anche se attraverso impianti di irrigazione e lavori di recupero del verde di giardini di interesse storico.

Ora che abbiamo chiarito l’ambito di utilizzo, non ci resta che comprendere ulteriormente quanto e quanto conviene utilizzare questo meccanismo.

 

Quanto risparmi con il bonus verde 2018?

Il Bonus verde prevede una detrazione per tutti i cittadini che sostengono (oppure iniziano a sostenere nel corso del 2018) spese di sistemazione del verde e di recupero del verde storico.

Nella pratica, la detrazione si applica all’imponibile IRPEF, per un massimo di 5.000 euro, in fase di dichiarazioni dei redditi, e permetterà uno sconto fiscale del 36% a titolo di detrazione d’imposta.

L’importo della detrazione totale spettante, per essere scaricata dalla tasse, deve essere divisa in 10 quote annuali di pari importo.

Per poter accedere alla detrazione il cittadino dovrà effettuare il pagamento dei lavori svolti tramite:

  • Bonifico speciale (o parlante);
  • Assegno;
  • Bancomat;
  • Carta di credito.

Insomma, onde evitare “false detrazioni” è necessario che il pagamento sia tracciabile.

ATTENZIONE: l’importo della spesa massima del Bonus verde si riferisce ad singola unità immobiliare abitativa.

Ora, analizziamo su quali edifici possiamo utilizzare questo bonus.

 

Su quali edifici devi effettuare la spesa del bonus verde?

  • giardini;
  • terrazzi;
  • balconi anche condominiali;
  • giardini di interesse storico.

 

Quali spese rientrano nel bonus verde 2018?

Il nuovo bonus verde 2018 spetta ai cittadini ed ai condomini che sostengono spese quali:

  1. Sistemazione del verde: giardini, terrazzi, balconi anche condominiali;
  2. Recupero del verde di giardini di interesse storico;
  3. Fornitura di piante o arbusti;
  4. Lavori e interventi per la trasformazione di un’area incolta in aiuole e piccoli prati.
  5. Le spese per il rifacimento di impianti di irrigazione;
  6. Le spese per la sostituzione di una siepe;
  7. Le spese per le grandi potature;
  8. Le spese per la fornitura di piante o arbusti;
  9. Le spese di riqualificazione di prati;
  10. Le spese per lavori e interventi per la trasformazione di un’area incolta in aiuole e piccoli prati;
  11. Le spese per la sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;
  12. La realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili;
  13. Le spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.

Attenzione: Per le piante in vaso, i lavori sono detraibili solo se l’intervento sul giardino è di tipo radicale o ex novo (in un certo senso, quando queste spese sono di natura ”straordinarie”).

N.b. Se gli interventi vengono realizzati su unità immobiliari residenziali adibite promiscuamente all’esercizio dell’arte o della professione, la detrazione spettante è ridotta del 50%.

N.b.2: In caso di vendita dell’unità immobiliare sulla quale sono stati eseguiti gli interventi agevolati, la detrazione non utilizzata passa all’acquirente, salvo diverso accordo delle parti.

N.b.3 In caso di decesso del titolare del presente bonus fiscale, la detrazione non utilizzata si trasmette all’erede che conserva la proprietà materiale e diretta del bene.

Ho finito con le note, ora passiamo alla pratica.

 

Ora cosa devo fare?

Se non stai usufruendo  il bonus verde non è colpa tua, perché tu non hai tempo per seguire tutte le novità fiscali che ci sono nel nostro Paese.

Se hai bisogno di maggior approfondimenti, ma non sai da dove partire, puoi contattarmi ai recapiti che trovi in fondo alla pagina.

Sono disponibile a chiarirti ogni dubbio e indirizzarti verso la soluzione migliore!

Ora, hai tutte le informazioni necessarie per agire.

Sia che la tua sia una necessità, sia che tu voglia soddisfare il tuo sguardo, ricorda che potresti recuperare del denaro, quindi, affrettati!

Contattami anche solo per un consulto, ed insieme potremo pianificare il tuo investimento tramite il “bonus verde”.

In tutti i casi in cui hai un’azienda sappi che, se tu vuoi veramente dormire sonni tranquilli, proteggere il tuo patrimonio personale, proteggere il tuo investimento aziendale, tutelare la tua famiglia e il tuo futuro, la soluzione migliore risiede nell’utilizzare una S.r.l. .

Ma non basta.

Devi infatti anche verificare di: produrre utili in abbondanza, avere sempre la liquidità necessaria per far funzionare l’azienda regolarmente e utilizzare il più possibile strumenti di pianificazione fiscale nella tua società per ridurre le imposte della S.r.l. .

Stai però attento, perché gestendo in modo inappropriato una S.r.l., rischi di pagare più del 70% di imposte e contributi (tanto quanto una ditta individuale, ma solo con la S.r.l. puoi ridurre il carico fiscale complessivo).

Mentre, dal lato opposto, con una gestione fiscale efficace della S.r.l., le imposte possono essere ridotte fino al 28%.

Tra il 70% di carico tributario ed il 28%, ci sono vari strumenti di pianificazione fiscale che puoi utilizzare nella tua S.r.l. per tagliare il più possibile le imposte ed i contributi.

Più strumenti di risparmio fiscale specifici per la S.r.l. applichi e più riuscirai a ridurre le imposte ed i contributi avvicinandoti al 28%.

Strumenti di risparmio fiscale specifici per la S.r.l. che troverai scaricando il manuale che riceverai compilando il form qui in basso.

Tutte le volte che decidi di utilizzare una S.r.l. per la tua attività imprenditoriale, ricordati che puoi accedere al servizio della Contabilità Controllata.

Seguendo la procedura della Contabilità Controllata, puoi rendere la tua S.r.l. una macchina che ti genera costantemente più soldi di quelli che spendi, ogni anno sempre di più.

Ogni 12 mesi avrai una S.r.l. con più utili rispetto a prima, con più soldi in banca rispetto a prima e la possibilità di tagliare il carico fiscale della società dal 70% al 28%.

Tutto questo grazie all’applicazione dei principi di Efficacia Fiscale e al controllo mensile del bilancio della Contabilità Controllata nella tua S.r.l. .

In questo modo crei sempre più ricchezza per te e ottieni tutto il successo che ti meriti insieme alle persone a te care.

Se non puoi applicare la procedura della Contabilità Controllata con il tuo commercialista, non preoccuparti.

In alternativa puoi inviare una email direttamente a me all’indirizzo info@efficaciafiscale.com, con oggetto “Contabilità Controllata” e richiedere maggiori informazioni.

Invece, per ottenere gratuitamente altri strumenti di Efficacia Fiscale che ti consentono di diminuire le imposte della tua S.r.l., è sufficiente che compili il form qui sotto, inserendo la tua migliore email.

Riceverai un manuale che comprende una check list dettagliata dei principali strumenti che puoi utilizzare con la tua S.r.l. per ridurre il carico fiscale dal 70% al 28%.

Vuoi aprire una S.r.l. e vuoi maggiori informazioni?

Puoi scegliere uno dei 2 canali disponibili:

1) inserire la tua migliore email nel form qui sotto. Ciò ti consentirà di ricevere una email con un link che ti consentirà di scaricare il manuale gratuito con i 94 strumenti di risparmio fiscale che puoi utilizzare con la tua S.r.l. .

Al termine della lettura del manuale che scaricherai, potrai richiedere gratuitamente una consulenza per comprendere se puoi accedere ad un mese di Contabilità Controllata in omaggio per la tua S.r.l. (o la futura S.r.l.).

2) oppure puoi comprare il libro “Come ridurre le imposte della S.r.l.“ che trovi cliccando su questo link http://bit.ly/2mpvMva. Prendere il libro da questo link ti permetterà, se lo vorrai, di acquistare una consulenza con me ad un prezzo scontato (euro 197 + Iva, invece che euro 497 + Iva).

Oltretutto, acquistando il libro da questo mio link, potrai ricevere gratuitamente a casa tua (o presso il tuo ufficio) anche la mia personale newsletter trimestrale cartacea, per sempre.

Se non ti è chiaro qualcosa, ricorda che il team di Efficacia Fiscale è a tua disposizione!

Che cosa aspetti a contattarci?

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *