Ciao, ti do il benvenuto in questa nuova circolare del blog di Efficacia Fiscale.

Questa settimana parleremo di un aspetto molto importante per te che stai pensando di “trasformare” la tua ditta individuale in una S.r.l..

Ti dico questo perché, se vuoi rispettare la legge, non puoi trasformare la tua azienda da ditta individuale in una S.r.l..

Al più si può solo chiudere la precedente ditta individuale per poi aprire una nuova S.r.l..

Per te la differenza sarebbe minima, ma il fisco considera le due cose in modo molto diverso.

Al termine della lettura della circolare sarai completamente autonomo nel fare la scelta migliore per passare dalla ditta individuale alla S.r.l. da solo.

Comprenderai cosa è meglio fare a livello fiscale, senza dover acquistare consulenze da nessuno e senza che nessuno ti dia consigli che, in realtà, fanno solo comodo al consulente invece che a te stesso.

Aprire una S.r.l senza conoscere adeguatamente la procedura, può essere utile al tuo consulente perché riscuoterà il suo compenso, ma di certo non sarà utile a te che rischi sanzioni e problemi vari.

Per esempio, saprai comprendere da solo se e quando ti conviene fare il passaggio, senza che nessuno ti obblighi a passare alla S.r.l. senza un tuo reale interesse. O per lo meno, facendolo senza che tu debba rischiare problemi, accertamenti o pagare più tasse del dovuto.

Infatti, è importante che tu conosca questa cosa perché, se non fai il passaggio da ditta individuale a S.r.l. in modo corretto, rischi di incorrere in sanzioni, problemi e dover spiegare al fisco come stai svolgendo il tuo business nel modo corretto senza aver evaso imposte di registro che deriverebbero da un eventuale contratto di cessione di azienda.

Inoltre, eviterai di dover spiegare all’Inps chi è il lavoratore effettivo della tua azienda e non perderesti strumenti di efficacia fiscale che ti farebbero pagare meno imposte.

Ma scusami, che senso ha fare il passaggio da ditta individuale a S.r.l. “per sentirti più protetto”, per poi non dormire sonni tranquilli perché non hai fatto le cose in regola o perché pagheresti più tasse del dovuto?

Questi sono i motivi per cui devi assolutamente legge questa circolare.

Troverai la risposta alle principali domande che ogni imprenditore si pone quando deve scegliere se passare da una ditta individuale ad una S.r.l..

Anche se al momento non ti trovi in questa circostanza, sarà comunque utile leggere questa circolare perché il passaggio verso la S.r.l è una naturale evoluzione di ogni azienda che cresce nel tempo. Pertanto, se la tua azienda cresce, prima o poi dovrai affrontare questa decisione.

Nei primi mesi, o nei primi 1-2 anni di vita della tua azienda, puoi anche avere interesse nell’utilizzare un regime forfettario o una ditta individuale.

Ma appena inizierai ad incrementare i ricavi, oppure ad avere collaboratori, oppure al crescere della rischiosità del business, la S.r.l. diventerà l’unico vero strumento che ti consentirà di avere sicurezza patrimoniale e un vero risparmio fiscale.

Il passaggio da ditta individuale a S.r.l è un momento delicato, pertanto dovrai prestare attenzione a non commettere errori grossolani che potrebbero causarti problemi.

Ma non preoccuparti, leggendo questa circolare troverai una soluzione alle principali problematiche.

Queste soluzioni ti permetteranno di raggiungere un duplice scopo: una maggiore protezione patrimoniale ed una sensibile diminuzione del carico fiscale della S.r.l., dal 64% al 28%.

Per questi motivi tu devi già avere consapevolezza di come gestire il passaggio da ditta individuale a S.r.l..

Questa operazione deve essere svolta correttamente dall’inizio, in quanto molti degli errori che potresti commettere non sarebbero più riparabili in momenti successivi, o perlomeno dovresti affrontare ulteriori spese per poterli risolvere.

Quindi è molto importante impostare correttamente questa operazione, non soltanto per evitare rischi e pagare meno tasse, ma soprattutto per salvaguardare la tua famiglia, la tua azienda, o per prenderti una rivincita nei confronti di tutti coloro che non hanno creduto in te, oppure per evitare di indebolirti nei confronti dei tuoi concorrenti.

Sono sicuro che non vuoi ritrovarti a dover pagare multe e sanzioni mettendo a repentaglio il tuo patrimonio, quello del tuo coniuge o quello dei tuoi figli, e non vuoi neanche danneggiare la tua azienda esponendoti alla derisione di tutti coloro che sperano in un tuo insuccesso.

Quindi ora vediamo insieme qual è la risposta alle domande fondamentali.

Ti mostrerò tutto questo prendendo come esempio una email che mi hai inviato un cliente “tipo”, al quale ho fornito tutte le informazioni.

Ti mostrerò l’email del cliente in grassetto e le mie risposte con un font regolare.

Quindi adesso bando alle ciance e let’s go…

 

Le 5 domande che ha fatto un mio cliente per gestire il passaggio da ditta individuale a S.r.l.

Salve, complimenti per il sito molto interessante (si riferisce al blog www.efficaciafiscale.com che stai leggendo in questo preciso istante). Vorrei un confronto con voi in merito alla mia situazione.

Titolare ditta individuale e prossimamente amministratore nonché socia di minoranza in S.r.l..

Domande:

A) Conviene chiudere ditta individuale e portare tutto su una S.r.l.?

Risposta: Se tu fossi in un settore senza rischi, senza imprevisti e con un reddito contenuto, allora potrebbe convenirti una ditta individuale o, ancora meglio, il regime del forfettario.

Quindi una S.r.l. non è la panacea di tutti i mali.

Ma è anche vero che se mancasse anche uno degli elementi di prima, allora ti converrebbe una S.r.l..

Questo per 2 motivi:

1) se utilizzi una S.r.l. hai la sicurezza patrimoniale completa.

Questo significa che per tutti i beni della tua azienda, ne risponde solo la S.r.l..

I terzi possono fare un decreto ingiuntivo per ottenere indietro i soldi, ma lo possono fare solo sul conto corrente o sugli immobili della società. Lasciando inattaccabile il tuo conto corrente personale, quello cointestato con il tuo coniuge e i soldi che stai accantonando per il futuro dei tuoi figli.

Questo ti fa subito intuire che in caso di debiti aziendali, imprevisti e rischi, tu puoi comunque dormire sonni tranquilli, perchè per tutti i debiti aziendali ne risponde solo il conto corrente della tua S.r.l.. Lasciando inattaccabile il tuo personale conto corrente.

Già solo questo dovrebbero farti preferire una S.r.l. rispetto alle altre forme giuridiche, indipendentemente dall’aspetto fiscale. Questo a maggior ragione se lavori in settori rischiosi o se lavori on line.

Ricordati che la S.r.l. non ti protegge in modo infinito e per tutti i reati.

Se la S.r.l. continua ad accumulare perdite, poi sarai obbligato per legge a chiuderla. Nello stesso modo, per i reati penali, ne risponde sempre l’amministratore.

Quindi sappi che non ti protegge in tutto, ma escludendo queste eccezioni, ti permette di dormire comodi sonni tranquilli.

2) il secondo motivo per cui ti conviene utilizzare una S.r.l., risiede nel fatto che, secondo le regole fiscali attuali, questo è il migliore strumento per ridurre il carico fiscale, se non l’unico.

La peggiore tassazione di una S.r.l. è di circa il 64%, simile alla ditta individuate con redditi elevati.

Mentre la migliore efficacia fiscale della S.r.l. è del 28%.

Se vuoi abbassare le tasse della tua S.r.l. dal 64% al 28%, lo puoi fare a condizione di applicare i principi di efficacia fiscale che trovi nel mio blog. (se vuoi maggiori informazioni inviami una email a info@efficaciafiscale.com).

Con una S.r.l. hai maggiori strumenti per ridurre il carico fiscale, cosa che non hanno le altre forme giuridiche.

 

B) La posizione Inps aperta nella gestione commercianti della ditta individuale e quella di socio d’opera si fondono/confondono?

Risposta: gli importi dei contributi Inps commercianti della ditta individuale e dei soci lavoratori sono gli stessi. In un certo senso, le due posizioni sono uguali. L’unica cosa che potrebbe cambiare è il codice identificativo per poter versare i contributi, ma è una cosa tecnica che gestisce direttamente il tuo commercialista.

Se tu, per un periodo, avessi aperto contestualmente la ditta individuale e la S.r.l. e quindi chiudessi solo la ditta individuale, allora i codici Inps della tua posizione come socio lavoratore rimarrebbero uguali.

Se così non fosse, il codice Inps cambierebbe dal passaggio della ditta individuale a quello della S.r.l., ma i tuoi versamenti Inps sarebbero ugualmente tuoi.

 

C) Per il calcolo del massimale Inps della gestione commercianti, fa cumulo l’utile della ditta individuale e quota parte utile S.r.l.?

Risposta: esatto, se hai aperto una posizione contributiva commercianti/artigiani Inps, devi pagare i contributi Inps considerando il reddito che ti produce la partita iva e tutti gli utili quota parte delle S.r.l. in cui sei socio.

 

D) L’auto, bene strumentale della ditta individuale, se usato per trasferte Srl/ruolo amministratore, può essere usato per i rimborsi km?

Risposta: in questo caso ti consiglierei di intestare l’auto a te come persona fisica e solo dopo richiedere il rimborso chilometrico come socio lavoratore o amministratore per le trasferte.

Questo perchè puoi scaricare il rimborso chilometrico e il rimborso forfettario al 100%. Mentre se avessi l’auto intestata all’azienda potresti detrarre l’Iva al 40% e dedurre il costo al 20%.

In tutti i casi, evita di dedurre/detrarre il costo dell’auto sia nella ditta individuale che nella S.r.l.. Evitando di scaricare il costo in 2 contabilità diverse, eviti contestazioni e sanzioni da parte del fisco.

 

E) Le attività della individuale e della S.r.l. possono essere le stesse?

Risposta: certamente, possono essere le stesse perché la S.r.l. è un soggetto diverso rispetto alla tua specifica partita iva.

La cosa più importante che ti consiglio e quello di non trasferire la tua azienda alla S.r.l. completamente identica.

Questo perché il trasferimento d’azienda tra 2 soggetti economici è consentita solo con un atto di un notaio tramite un contratto di cessione di azienda, pagando la relativa imposta di registro.

Per questo motivo, per evitare di infrangere la legge, hai 2 scelte:

1) prima devi chiudere la tua azienda con la ditta individuale e quindi aprire la S.r.l. completamente da nuovo, iniziando l’azienda da capo;

2) oppure tenere aperta la ditta individuale e anche la S.r.l. insieme, ma l’attività della S.rl deve iniziare da nuovo e con un’azienda completamente diversa rispetto alla ditta individuale.

Tutto questo per evitare di fare un “palese” passaggio di azienda senza ricorrere al notaio. Cosa che puoi evitare se con la S.r.l. inizi una nuova azienda, senza fare la perfetta fotocopia della ditta individuale.

 

Conclusioni

Grazie a queste informazioni ora sai cosa devi fare per passare dalla ditta individuale alla S.r.l. senza commettere errori o ricevere sanzioni.

Applicando i consigli che trovi in questa circolare, tu potrai trovare soluzione a tutti questi problemi che potresti dover affrontare quando devi chiudere la ditta individuale per poi aprire una nuova S.r.l.. Ma non solo, ti serviranno anche come strumenti per ridurre il carico fiscale dal 64% al 28%.

Se ti convenisse utilizzare una S.r.l. per la tua attività imprenditoriale, ricordati che potresti accedere al servizio della Contabilità Controllata.

Seguendo la procedura della Contabilità Controllata, puoi rendere la tua S.r.l. una macchina che ti genera costantemente più soldi di quelli che spendi.

Ogni 12 mesi avrai più utili rispetto a prima, più soldi in banca rispetto a prima e la certezza di tagliare le tasse dal 64% al 28%. Tutto questo grazie all’applicazione dei principi di Efficacia Fiscale e al controllo mensile del bilancio della Contabilità Controllata della tua S.r.l..

In questo modo crei sempre più ricchezza e ottieni tutto il successo che ti meriti insieme alle persone a te care.

Se non hai possibilità di applicare la procedura della Contabilità Controllata con il tuo commercialista, non preoccuparti. In alternativa puoi inviare una email direttamente a me all’indirizzo info@efficaciafiscale con oggetto “Contabilità Controllata” e richiedere maggiori informazioni.

Invece, per ottenere gratuitamente altri strumenti di Efficacia Fiscale per diminuire le tasse della tua S.r.l., è sufficiente che compili il form qui sotto, indicando la tua migliore email.

Riceverai un manuale che comprende una check list dettagliata di strumenti che puoi utilizzare con la tua S.r.l. per ridurre il carico fiscale dal 64% al 28%.

Vuoi aprire una S.r.l. e vuoi maggiori informazioni?

Lo staff di EfficaciaFiscale.com è a tua disposizione!

Scegli uno dei 3 canali disponibili:

1) inserire la tua migliore email qui sotto dentro il form;

2) chiamarmi al numero verde 800 820 777, ti riponderà una mia segretaria che ti chiederà il tuo numero di cellulare e la tua email. In questo modo posso richiamarti personalmente;

3) iscrivendoti al gruppo chiuso di facebook Efficacia Fiscale ®.

Se non ti è chiaro qualcosa, ricorda che il team di Efficacia Fiscale è a tua disposizione!

Cosa aspetti a contattarci?

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *