Ciao, ti do il benvenuto in questo nuovo articolo del Blog di Efficacia Fiscale.

Oggi voglio approfondire un argomento che desta particolare attenzione negli imprenditori che “fanno business in smart working” 😊: “Come mettere la sede della S.r.l. in casa tua nel massimo rispetto della legge”.

Su internet si trovano poche informazioni al riguardo. E questo ha destato il mio interesse come ricercatore fiscale. Quindi ho approfondito, registrato un Podcast e infine, dato che oltre al ricercare amo divulgare, ho scritto questo articolo.

I Podcast, insieme agli articoli che pubblico sul blog www.efficaciafiscale.com ed ai video che puoi trovare sul mio canale YouTube Commercialista Calisti, rappresentano il modo con cui metto a disposizione degli imprenditori fiscalmente intelligenti, che vogliono fare business nel pieno rispetto delle leggi i frutti delle mie ricerche e, soprattutto, i frutti del lavoro che svolgo ogni giorno, fianco a fianco, ai miei clienti che hanno, o vogliono costituire, una S.r.l. .

Prima di addentrarti nella lettura…ti sei già iscritto al sito www.efficaciafiscale.com?

Se non lo hai ancora fatto corri ad iscriverti attraverso l’apposito form che troverai in fondo a questo articolo ed avrai accesso al materiale che metto gratuitamente a disposizione agli utenti registrati.

Sei pronto a conoscere come mettere la sede della S.r.l. in casa tua nel massimo rispetto della legge?

Allora…bando alle ciance and let’s go…

 

Cosa devi ricordarti di fare quando la tua S.r.l. ha la sede in casa tua?

Caro imprenditore, ti do il benvenuto in questo nuovo podcast del blog di Efficacia Fiscale, il blog con le soluzioni fiscali specifiche per tutti gli imprenditori che hanno una S.r.l. o che ne vogliono aprire una nuova.

Oggi voglio condividere con te una piccola cosa a cui devi prestare attenzione quando vuoi mettere la sede della tua S.r.l. presso casa tua.

Mi è venuto in mente di fare questo podcast proprio perché ho fatto una chiacchierata, qualche giorno fa, con un mio cliente per un aggiornamento, per verificare alcune posizioni e lui mi ha fatto presente che ha spostato la sede della S.r.l. presso la sua abitazione inviandomi la documentazione preparata per essere presentata, poi, al Comune.

Questo argomento è poco trattato su Internet.

Magari avrai sentito qualche voce che esagera un po’, probabilmente condizionata anche dalla paura e, per questo motivo, voglio fornirti delle informazioni dettagliate, in modo da portare un po’ di chiarezza.

Puoi mettere come sede della tua S.r.l. la tua abitazione senza alcun problema.

Ti consiglio, semplicemente, di avvisare il Comune del fatto che stai attribuendo una parte di casa tua per uso aziendale alla tua S.r.l. .

Questo perché dovrai pagare l’imposta sui rifiuti, chiamata TARI (senza bisogno di cambiare la destinazione d’uso dell’immobile).

Non c’è niente di illegale se metti la sede della tua S.r.l. presso la tua abitazione, basta appunto che ti rechi in Comune per comunicare che utilizzerai, una o più stanze o un tot di metri quadrati, per la tua S.r.l. .

Questo è importante specificarlo perché, su quello che comunicherai, pagherai una tassa sui rifiuti un po’ più alta, in quanto con un ufficio si presume che tu fai più rifiuti rispetto all’abitazione di residenza.

Fare questa comunicazione al Comune, è il modo più intelligente per dimostrare al Fisco che una parte della tua abitazione l’hai destinata ad uso aziendale, ed è utile perché lascia un elemento di prova su quale parte della tua abitazione è destinata ad uso aziendale.

 

Tante domande riassunte in una: “l’imprenditore può andare incontro a problemi se decide di adibire la propria abitazione come sede della S.r.l.?” Ecco le risposte

In base alla mia esperienza maturata dalle richieste che mi sono state poste da diversi clienti, da cui derivano i miei podcast, i miei video su YouTube ed i miei articoli sul blog, posso indicarti alcune domande che gli imprenditori si pongono nel mettere la sede della loro S.r.l. presso la propria abitazione e che mi hanno rivolto:

  • La destinazione della propria abitazione alla sede della S.r.l. può portare a problemi fiscali?
  • Una volta spostata la sede presso la propria abitazione, come è possibile quantificare quanta parte di spesa della casa attribuire alla propria S.r.l.?
  • I costi relativi alle utenze e all’affitto possono essere scaricati?

In risposta alla prima domanda, posso dirti subito che non c’è alcun problema di carattere fiscale, e non c’è nulla di illegale, nel mettere come sede della tua S.r.l. la tua abitazione.

In fase di costituzione puoi inserire qualsiasi sede per la tua S.r.l., sia essa un ufficio o la tua abitazione. L’unica cosa che devi sapere è che, in caso di controlli presso la sede, ovviamente, i controlli avverranno presso la tua abitazione.

Un vantaggio di avere la sede presso la propria abitazione è che la posta della tua S.r.l. arriverà direttamente a casa tua.

Io, ad esempio, lavoro molto online, ma anche in ufficio e da casa e, alcune volte, mi chiedo se mi conviene mettere la sede presso abitazione dove abito, in modo da ricevere la posta direttamente a casa.

Ricevere la corrispondenza a casa potrebbe costituire per me un vantaggio.

Per rispondere alla seconda domanda, ovvero quanta parte dell’abitazione è da attribuire alla S.r.l., è opportuno fare alcune considerazioni.

Una S.r.l. può inserire in contabilità tutti i costi di competenza.

Naturalmente, quando hai nella stessa abitazione sia la residenza che la sede della tua S.r.l., è ovvio che una parte delle spese, delle utenze e dell’affitto sono per fini aziendali.

Questa cosa è di fondamentale importanza, soprattutto ora perché sta sempre più crescendo il lavoro da casa, non tanto per il Coronavirus, ma proprio perché sta cambiando il modo di lavorare, anche in base alla tecnologia.

Con lo Smart working una parte della nostra abitazione viene utilizzata ai fini aziendali, pertanto, dobbiamo inserire in contabilità una quota di costo in percentuale dell’utilizzo fatto ai fini aziendali.

Spesso, però, questa percentuale è di difficile individuazione.

Ci sono due metodi, che ti consiglio, per quantificare la quota di costo della tua abitazione da inserire nella contabilità della S.r.l.:

  1. comprendere quanti metri quadrati dai a disposizione della S.r.l. in base ai metri quadrati totali;
  2. regolarsi in base al numero delle stanze (ad esempio, se hai una casa con due o tre stanze compreso la cucina, se attribuisci una stanza alla tua S.r.l., lì hai 1/3 dei costi dell’abitazione da attribuire alla società).

In riferimento alla terza domanda, riguardante lo scarico fiscale delle utenze e dell’affitto, posso dirti che, quando metti la sede della tua S.r.l. presso la tua abitazione, puoi scaricare sia il pagamento delle utenze che le rate dell’affitto (ma per quest’ultimo dipende).

Se stai pagando l’affitto, una quota di questo lo puoi far pagare indirettamente con un subaffitto alla tua S.r.l. .

Diversamente, anche se la casa fosse di tua proprietà, parte delle utenze le potresti far pagare alla tua S.r.l. .

Questi sono i problemi, secondo me, fondamentali. Cercando su Internet vedrai che le informazioni non sono ancora abbastanza diffuse.

Vediamo ora nel dettaglio quanto accennato in precedenza.

 

 

NON confondere la comunicazione da fare al Comune per la tassa rifiuti con il cambio d’uso dell’immobile 

La comunicazione al Comune, relativa alla TARI (tassa sui rifiuti) serve solo a identificare la parte dell’abitazione utilizzata dalla tua S.r.l., calcolando una tassa sui rifiuti più alta.

Se dichiari un tot di metri quadri della tua abitazione per uso aziendale, oppure il numero delle stanze che hai destinato alla tua S.r.l., il vantaggio lo ottieni in caso di controllo fiscale, giustificando anche il perché scarichi un costo (grazie al fatto che hai segnalato preventivamente all’ufficio della tassa rifiuti del comune che una parte della tua abitazione è utilizzata per fini aziendali).

Ricordati di stare attento a non confondere la comunicazione da fare al Comune per la tassa rifiuti con il cambio d’uso dell’immobile.

Infatti, qualcuno ipotizzava che, se si utilizza la casa anche come sede della S.r.l., ci può essere il rischio del cambio di destinazione nell’abitazione e, quindi, sorgerebbe anche il problema del cambio dei dati catastali ed altre varie azioni annesse.

Il cambio di destinazione non c’entra nulla con il dichiarare i metri quadri o le stanze che tu utilizzi per la tua S.r.l. .

È soltanto una variazione, che tu comunichi ai fini del calcolo della tassa sui rifiuti (puoi verificare tu stesso chiamando il tuo Comune di riferimento dove hai l’immobile).

La tua abitazione non subirà alcuna variazione catastale, semplicemente pagherai più imposte sui rifiuti, perché una parte nella casa verrà utilizzata dalla tua S.r.l. ed è questo il concetto principale da comprendere.

 

Puoi scaricare sia il costo, sia l’Iva relative alle spese della casa dove hai la sede della S.r.l.?

Un’altra informazione importante da tenere in considerazione è quella di poter scaricare o meno il costo e l’Iva sulle fatture in particolare delle utenze dell’abitazione devo hai la sede della S.r.l. .

Se le fatture sono intestate alla tua S.r.l., per una quota parte di competenza puoi scaricare l’Iva ed anche il costo, ma se sono originariamente intestate a te persona fisica, puoi far scaricare questo costo alla tua S.r.l., ma non puoi scaricare l’Iva perché la fattura è intestata al privato e non alla S.r.l. .

Indipendentemente dal fatto che decida di intestare i contratti delle utenze, o l’affitto, alla tua S.r.l. o, comunque, a persona fisica, devi sempre avere un meccanismo di competenza corretta.

Se intesti le fatture delle utenze a te persona fisica, porti nella S.r.l. un tuo costo di competenza perdendo l’Iva perché le fatture sono intestate a te, persona fisica, e NON alla S.r.l. .

Se, invece, intesti le fatture delle utenze alla S.r.l., la S.r.l. potrà scaricare una parte di costo, ed una parte di Iva in quanto la fattura è intesta alla società.

In tutti i casi ricordati che la percentuale di costo e di Iva che puoi scaricare è sempre in funzione dell’inerenza all’attività aziendale.

 

La parte indeducibile per la S.r.l. è un maggior reddito da attribuire al socio (come fringe benefit), perché utilizza il bene aziendale; è come se pagasse lui con i suoi soldi

Il meccanismo può non risultare subito di facile individuazione, però ti basta semplicemente sapere che le fatture delle utenze, o dell’affitto, possono essere intestate al privato, oppure alla S.r.l., sempre con il rispetto del principio di competenza del costo.

Se le fatture dovessero essere intestate alla S.r.l., allora potresti scaricarti una parte di costo ed una parte di Iva in funzione della percentuale di uso aziendale rispetto all’uso personale dell’abitazione.

La parte di uso personale, della fattura intestata alla S.r.l., sarebbe un costo indeducibile per la società ed il Fisco vuole che si attribuisca un fringe benefit, di pari valore, all’utilizzatore della casa (che, di solito, è l’amministratore o il socio della S.r.l.).

Il fringe benefit altro non è che un incremento del reddito da attribuire a chi utilizza il bene aziendale per fini privati, sul quale, poi, andrà a pagare le imposte ed i contributi.

 

Avviandoci alla conclusione

Ricapitolando: puoi mettere la sede della S.r.l. presso la tua abitazione senza incorrere in alcun tipo di problema, basta comunicare al Comune la variazione ai fini del calcolo della tassa sui rifiuti (senza fare nessuna pratica di variazione d’uso dell’immobile).

Dunque, per correttezza e per avere maggiori elementi di prova a tuo vantaggio in caso di controlli, ti consiglio di andare presso il tuo Comune a fare questa comunicazione finalizzata al calcolo dell’imposta sui rifiuti.

Pagherai, pertanto, una maggiore tassa rifiuti, ma avrai più elementi di prova per dimostrare quanta parte di casa è destinata ai fini aziendali, per poter scaricare regolarmente i costi sulla tua S.r.l. .

Questo è uno degli strumenti di efficacia fiscale che puoi utilizzare grazie alla tua S.r.l. e ce ne sono tanti altri ed il carico tributario è minore se riesci ad utilizzare un maggior numero di strumenti di risparmio fiscale.

So che non hai molto tempo a disposizione per studiare la norma fiscale bene come un commercialista, di conseguenza ti metto a disposizione, in maniera completamente gratuita, un manuale sul mio blog www.efficaciafiscale.com.

All’interno troverai 94 strumenti di efficacia fiscale. Troverai la checklist con questi strumenti che ti permetteranno di tagliare le tue imposte, i tuoi contributi grazie alla legge specifica per la S.r.l. .

Sempre all’interno del manuale troverai tutti gli elementi per lavorare con me a un livello successivo, attraverso due prodotti.

Il primo è la consulenza fiscale, ossia una consulenza che farai direttamente con me, durante la quale applicherò alla tua specifica posizione imprenditoriale il maggior numero di strumenti di risparmio fiscale, che attualmente sono in vigore, in modo da poter massimizzare, ottimizzare, diminuire il più possibile il carico tributario in base al contesto della legge.

Il secondo prodotto è la contabilità controllata.

Se vorrai portare la contabilità da me, io ti terrò regolarmente la contabilità e, utilizzando il meccanismo della contabilità controllata, ogni mese, io e i miei collaboratori controlleremo i numeri del tuo bilancio, controlleremo l’aspetto economico, l’aspetto finanziario e l’aspetto fiscale, in modo che, ogni mese, realizzerai più utili, più liquidità rispetto a prima e pagherai meno imposte.

Applicando questo metodo per 12 mesi, ti ritroverai con una S.r.l. che avrò trasformato in un bancomat da cui potrai prelevare più soldi rispetto a quelli che spendi.

Detto questo, ti ringrazio dell’attenzione e noi ci aggiorniamo alla prossima puntata.

Ciao a presto.

 

Conclusioni

Grazie a questo articolo ora sai a cosa devi prestare attenzione quando decidi di spostare la sede della tua S.r.l. in casa tua e vuoi fare tutto nel massimo rispetto della legge.

In tutti i casi in cui hai un’azienda sappi che, se tu vuoi veramente dormire sonni tranquilli, proteggere il tuo patrimonio personale, proteggere il tuo investimento imprenditoriale, tagliare le imposte ed i contributi, tutelare la tua famiglia e il tuo futuro, la soluzione migliore risiede nell’utilizzare una S.r.l. .

Ma non basta.

Devi, infatti, anche verificare di:

  1. produrre utili in abbondanza nella S.r.l.,
  2. avere sempre la liquidità necessaria per far funzionare la S.r.l. regolarmente e…
  3. utilizzare il più possibile strumenti di risparmio fiscale, riservati per legge alla S.r.l., nella tua società per ridurre le imposte e contributi dell’imprenditore.

Stai però attento, perché gestendo in modo inappropriato una S.r.l., rischi di pagare più del 70,72% di imposte e contributi (tanto quanto una ditta individuale).

Mentre, dal lato opposto, con una gestione fiscale efficace della S.r.l., le imposte possono essere ridotte fino al 28%.

Tra il 70,72% di carico tributario ed il 28%, ci sono vari strumenti di pianificazione fiscale che puoi utilizzare grazie alla tua S.r.l. per tagliare il più possibile le imposte ed i contributi Inps.

Più strumenti di risparmio fiscale specifici per la S.r.l. applichi e più riuscirai a ridurre le imposte ed i contributi avvicinandoti al 28%.

Strumenti di risparmio fiscale specifici per la S.r.l. che troverai scaricando il manuale che riceverai compilando il form qui in basso.

Tutte le volte che decidi di utilizzare una S.r.l. per la tua attività imprenditoriale, ricordati che puoi accedere al servizio della Contabilità Controllata.

Seguendo la procedura della Contabilità Controllata, puoi rendere la tua S.r.l. una macchina che ti genera costantemente, ogni anno, più soldi di quelli che spendi.

Ogni anno avrai una S.r.l. con più utili rispetto prima, con più soldi in banca rispetto a prima e la possibilità di tagliare il carico fiscale della società dal 70,72% al 28%.

Tutto questo grazie all’applicazione dei principi di Efficacia Fiscale e al controllo mensile dei numeri del bilancio della S.r.l. utilizzando la procedura della Contabilità Controllata.

In questo modo crei sempre più ricchezza per te e ottieni tutto il successo che ti meriti insieme alle persone a te care.

Se non puoi applicare la procedura della Contabilità Controllata sulla tua S.r.l. con il tuo commercialista, non preoccuparti.

In alternativa puoi inviare una e-mail direttamente a me all’indirizzo info@efficaciafiscale.com, con oggetto “Contabilità Controllata” e richiedere maggiori informazioni, specificando nella e-mail di quali informazioni hai bisogno, ma sapendo che non ti faremo mai dei “preventivi per la tenuta della contabilità”.

Perché se vuoi collaborare con me (portando la contabilità della tua S.r.l. da me o per aprire una nuova S.r.l.) dovrai prima acquistare la consulenza di Efficacia Fiscale – http://bit.ly/2NceH5z -.

Solo dopo aver fatto la consulenza con me riceverai il prezzo per il servizio della Contabilità Controllata se reputiamo – io e te – che collaborare insieme sia utile per entrambi.

Invece, per ottenere gratuitamente altri strumenti di Efficacia Fiscale che ti consentono di diminuire le imposte della tua S.r.l., è sufficiente che compili il form qui sotto, inserendo la tua migliore e-mail.

Riceverai gratuitamente un manuale che comprende una check list dettagliata dei principali strumenti per ridurre il carico fiscale dal 70,72% al 28% utilizzando la tua S.r.l. (sono più di 94).

Vuoi aprire una S.r.l. e vuoi maggiori informazioni?

Se vuoi informazioni fiscali gratuite ma “lente” puoi mettere un commento in fondo a questo articolo (rispondo a tutti i commenti del blog una volta ogni uno/due settimane).

Se, invece, hai fretta di ottenere migliori informazioni fiscali per la S.r.l. in minor tempo (risparmiando tempo e, quindi, denaro), allora segui in successione questi due passaggi che ti consentono di interagire ad un livello più alto con me:

  1. Prima di tutto inserisci la tua migliore e-mail nel form qui sotto. Ciò ti permetterà di scaricare gratuitamente il manuale con oltre 94 strumenti di risparmio fiscale che puoi utilizzare con la tua S.r.l..

Al termine della lettura del manuale che scaricherai, potrai richiedere una consulenza gratuita per comprendere se puoi accedere ad un mese di Contabilità Controllata in omaggio per la tua S.r.l. (o la futura S.r.l.).

  1. Per secondo acquista il libro “Come ridurre le imposte della S.r.l.” che trovi cliccando su questo link http://bit.ly/2mpvMva.

Prendere il libro da questo link ti permetterà di acquistare una consulenza con me ad un prezzo bonus (invece che € 797 + Iva, pagherai € 397 + Iva. Che corrisponde ad un risparmio del 50,18%).

Se non ti è chiaro qualcosa, ricorda che il team di Efficacia Fiscale è a tua disposizione!

Che cosa aspetti a contattarci?

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.